logo diccap 2022b

Notizie

CONGRESSI EMILIA-ROMAGNA, VENETO, MARCHE E UMBRIA

logo nuovo rosso

SI TERRANNO A MODENA PER LE PROVINCE DI PIACENZA, PARMA, REGGIOEMILIA, MODENA,  BOLOGNA E UMBRIA / MARCHE IN DATA 08.04.24 ORE 09,30 PRESSO LA SEDE DEL SINDACATO - IL GIORNO 09.04.24 IN SEDE A FERRARA PER LE PROVINCE DI FERRARA, RAVENNA, FORLI CESENA E RIMINI - IL GIORNO 10.04.24 IN VENETO A MESTRE LUOGO DA INDICARE.

CONTATTARE PER L'EMILIA ROMAGNA E UMBRIA 3246183353;

PER LE MARCHE 3204678205;

PER IL VENETO 3357733777 E 3472267184.

 

CONGRESSI TERRITORIALI DICCAP DELLE REGIONI: PUGLIA, ABRUZZO, BASILICATA E MOLISE

DICCAP VRDE

9 FEBBRAIO PROVINCE TARANTO - BRINDISI E LECCE, SI TERR'A A CRISPIANO PRESSO IL RISTORANTE BORGO ANTICO - PER INFO CONTATTARE IL COORDINATORE NAZIONALE DE VINCENZIIS NICOLA 3357736942;

17 FEBBRAIO PROVINCE BARI, BARLETTA TRANI ANDRIA, FOGGIA, POTENZA E MATERA - A CORATO PRESSO L'APPIA ANCTICA - CONTATTATE IL COORDINATORE REGIONALE  MICHELE ZITOLI - 3343346280.

24 FEBBRAIO REGIONI MOLISE E ABRUZZO CHE SI TERRA' A TERMOLI - CONTATTARE IL COORDINATORE REGIONALE LUIGI SABATELLI AL 3333383295

 

CONVENCTION CSE FLPL, UNA MANIFESTAZIONE RIUSCITA CON LA PARTECIPAZIONE DELLA CONFEDERAZIONE CSE E LE OO.SS. DICCAP, SUNAS, FLP E SINUSCA IN DIFESA DEL COMPARTO AUTONOMIE LOCALI PER IL MIGLIORAMENTO DEI DIRITTI DEI DIPENDENTI

1e347e95 46a8 4299 98d0 48d4f845a64b
421634826 677820261223946 650533015702406634 n
 
0a1ed759 1a8c 4e0f a2e2 e93ee083ca13
0bb25ce3 3383 47b2 8c0f c2fae293b57b
 
0d6dbfc8 eafe 4869 b47b e145d2eb6359
1d7e4d94 cf6f 4873 963d 117c94b59566
 
1df0abe6 ed20 4568 8fd2 4907486f5698
2d6d1c6b 1069 4047 8750 8293f7ce910d
3ed07f6b 687b 4634 995d 41aebeec7d62
6b65aa88 b1ab 484f 89d6 323aeeb052b2
 9bb410c4 ad98 4787 8f57 3a0b5ca456b2
 
9cb5be58 82eb 40e5 b72b 4ed039f72adb
 
 9d46e937 e810 46c0 8f71 74fbb629efaf
 
 14e8167d 1762 4b37 9e5e c4a7d47c160f
 35cca293 1bc3 4506 b381 fd2216b7d2a2
060dd55a 485d 4982 ab92 b4dc1bd452df
 
66d7253f a1d1 4b1c 8f5a 2f6bf1827972
 
71e279b6 2bc1 47c6 8f41 bc1279f59309
 
300fc400 79a1 4c3b bb9d 26c6f33bd541
 
515f9955 d033 4998 8ec5 f5decbfb0f27
666b40cb bf0a 4af9 b997 b71cc6605cda
1760dbb2 e47f 48a4 91d9 65cc15b3130f
7648b48d 7a00 4865 889e 0ccfc50be9a2
 
10847ee5 b471 4dcc 8392 e63a519fcbd5
 
029193e6 e346 423b 9797 f31a8fe78681
 
11853002 8c0d 413f 974d e5507aa1a756
 
88033949 05f1 43b4 8a05 0a3dfd9836c5
 
 c87aefb1 9c79 4b17 a311 3826d1ed5bf6
 
abe9f4c4 1e67 41ed 955e 6aa7e41a3d93
 
d2456246 a544 4410 bd61 ef7dc35a6ed6
 
ebc0033b 0d74 4099 8f56 e5f2760a1cf2
 
 
 
Nota evento FLP CSE Centralità e Ruolo delle Funzioni Locali nel sistema paese
Roma 24gennaio2024
Ieri si è svolto l'incontro a Palazzo Wedekind a Roma, focalizzato sulla centralità delle funzioni locali nel contesto istituzionale italiano. Il programma, moderato dai giornalisti Andrea Pennacchioli di Omnibus La7 e Andrea Pira di HuffPost, ha affrontato le sfide delle strutture amministrative locali, evidenziando la necessità di rafforzare la dotazione tecnologica e le risorse umane. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) è stato presentato come un'opportunità per rivitalizzare le funzioni locali, con particolare attenzione a temi come il federalismo fiscale e la semplificazione delle norme sugli appalti pubblici. Hanno partecipato oltre al Segretario Generale CSE Marco Carlomagno:
Giorgio Mule’ (Vice Presidente della Camera dei Deputati)
Giuseppe Conte (Presidente Movimento 5 Stelle)
Francesco Boccia (Capogruppo del Partito Democratico)
Claudio Malavasi (Dirigente Generale dell’Ente Pubblico Nazionale e di Esacri Croce Rossa italiana)
Marco Furfaro (PD, Componente 12^ Commissione Affari Sociali – Camera dei Deputati)
Elisa Pirro (M5S, Componente 10^ Commissione Affari Sociali – Senato)
Roberto Pella (FI, Componente V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera e Vice Presidente vicario dell’ANCI)
Francesco Menani (Sindaco del Comune di Sassuolo)
Luca Vecchi (Sindaco del Comune di Reggio Emilia)
Riccardo De Corato (FdI, Vice Presidente I Commissione Affari Costituzionali – Camera dei Deputati)
Simona Bordonali (Lega, Segretario I Commissione Affari Costituzionali – Camera dei Deputati)
Delle strutture sindacali:
Miriam Palumbo (Responsabile CSE FLPL - Dip. DICCAP per la sicurezza)
Giuseppe Bonfilio (Responsabile CSE FLPL - Dip. DICCAP per la riforma)
Salvatore Poidomani (Responsabile Dipartimento Politiche Sociali CSE)
Delia Manferoce (Responsabile CSE FLPL – Dipartimento SUNAS)
Nicola De Vincenzis (Responsabile CSE FLPL – Dipartimento SINUSCA)
Nicoletta Zucchi (E.Q. Funzionario Servizi Demografici Esperto / tecnico)
Nel corso dell’incontro sono emerse criticità nella fase di attuazione del PNRR, con il Governo Meloni che ha apportato modifiche per evitare la perdita di risorse. Le sfide includono la mancanza di personale, la necessità di reclutare professionisti specializzati e affrontare il digital divide. Il panel ha anche toccato questioni cruciali riguardanti la Polizia Locale, il Servizio Sociale Comunale e i servizi digitali offerti agli enti locali. La giornata si è conclusa con un appello per un'azione collettiva e misure immediate per superare le criticità emerse durante l'implementazione del PNRR e garantire il successo della ripresa economica e infrastrutturale.
 

#CSEFLPL24 - 24 GENNAIO 2024 IL CSE FLPL IN CONVEGNO CON LA POLITICA PER IL COMPARTO FUNZIONI LOCALI

#CSEFLPL24

7f8077b5 6c80 48f5 93bc f1a2c2f2fce5

"Sicurezza di prossimità (comunità e operatori) e riforma della Polizia Locale" sarà il tema del panel che si terrà a partire dalle ore 12.00 all'interno del convegno "Centralità e ruolo delle Funzioni Locali nel sistema Paese" a Palazzo Wedekind mercoledì 24 gennaio. Si parlerà di #PoliziaLocale e di una riforma che la avvicini alle altre forze di Pubblica Sicurezza, con le quali condivide spesso compiti ma non tutele. Ne parlano @riccardodecorato @simonabordonali @miriampalumbo @giuseppebonfilio @francesco menani, con la moderazione di @andreapennacchioli di @la7, e sarà possibile seguire i lavori in diretta sui canali social @CSE

8f8ab2c4 b763 4d44 99ff 389e52ecab4a

"I servizi al cittadino ieri, oggi e domani" sarà il panel conclusivo del convegno "Centralità e ruolo delle Funzioni Locali nel sistema Paese" organizzato da @cseflpl che si terrà a Palazzo Wedekind mercoledì 24 gennaio alle ore 15.30. I #servizialcittadino sembrano essere in perenne affanno e la digitalizzazione può essere la svolta, soprattutto per i servizi anagrafici, a patto che si stabiliscano regole chiare. Con @andreapira di @huffpost a moderare, ne parlano @robertopella @nicoladevincenziis @nicolettazucchi e sarà possibile seguire i lavori in diretta sui social @CSE
#CSEFLPL24

2c398902 fa8e 41df 9faa 8b2d0d8c4cbe

 

"Welfare e servizi sociali" è il titolo del panel che si svolgerà mercoledì 24 gennaio alle ore 14.30 nell'ambito del convegno "Centralità e ruolo delle Funzioni Locali nel sistema Paese" organizzato da @cseflpl a Palazzo Wedekind. I #servizisociali negli ultimi anni hanno affrontato sfide straordinarie, ora bisogna potenziarli per affrontare le nuove fragilità sociali. Moderati da @andreapira di @huffpost, interverranno @elisapirro @marcofurfaro @salvatorepoidomani @deliamanferoce @lucavecchi e sarà possibile seguire i lavori in diretta sui social @CSE
#CSEFLPL24

 

Legge 7 dicembre 2023, n. 193 – GU 294 del 18.12.2023 Disposizioni per la prevenzione delle discriminazioni e la tutela dei diritti delle persone che sono state affette da malattie oncologiche

Legge 7 dicembre 2023, n. 193 – GU 294 del 18.12.2023 Disposizioni per la prevenzione delle discriminazioni e la tutela dei diritti delle persone che sono state affette da malattie oncologicheSi segnala la pubblicazione in GU n. 294 del 18 dicembre 2023, della Legge 7 dicembre 2023 n. 19, vigente dal 2 gennaio 2024 in merito a “prevenzione delle discriminazioni e la tutela dei diritti delle persone che sono state affette da malattie oncologiche”. Rilevante in materia di lavoro pubblico l’art. 4 “Accesso alle procedure concorsuali e selettive, al lavoro e alla formazione professionale”. La legge in argomento stimola l’adozione di specifiche politiche attive per assicurare, a ogni persona che sia stata affetta da una patologia oncologica, “eguaglianza di opportunità nell’inserimento e nella permanenza nel lavoro, nella fruizione dei relativi servizi e nella riqualificazione dei percorsi di carriera e retributivi”. Inoltre l’art. 5 prevede, per i concorsi pubblici banditi dopo l’entrata in vigore della legge citata, la nullità delle clausole contrattuali o della parte degli atti amministrativi, anche endoprocedimentali, difformi dai principi introdotti dalla disciplina in argomento.

Visite mediche di controllo domiciliare ai lavoratori pubblici. Fasce orarie di reperibilità -

MESSAGGIO 4640 del 22.12.2023 Visite mediche di controllo domiciliare ai lavoratori pubblici. Fasce orarie di reperibilità - INPSL’Istituto Nazionale di Previdenza con il messaggio citato, a seguito della sentenza del Tribunale amministrativo regionale (TAR) del Lazio n. 16305/2023, pubblicata il 3 novembre 2023, che ha annullato l’articolo 3 del decreto n. 206 del 17 ottobre 2017 del Ministro della Semplificazione e della pubblica amministrazione che prevedeva: “In caso di assenza per malattia, le fasce di reperibilità dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. L’obbligo di reperibilità sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi”, fornisce le necessarie indicazioni operative per l’espletamento degli accertamenti medico-legali domiciliari. Dopo attenta disamina della normativa e prassi vigente, conclude “nelle more dell’emanazione di un nuovo decreto ministeriale (o dell’eventuale riforma della sentenza n. 16305/2023 del TAR Lazio), sentito il Dipartimento della Funzione pubblica, in virtù del principio di armonizzazione contenuto nel citato articolo 55-septies, comma 5-bis, del D.lgs n. 165/2001, richiamato in sentenza, le visite mediche di controllo domiciliare nei confronti dei lavoratori pubblici, fino a nuove disposizioni, dovranno essere effettuate nei seguenti orari: dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 17 alle 19 di tutti i giorni (compresi domeniche e festivi)”.

Tutte le novità sul riscatto agevolato della laurea 2024Col riscatto agevolato della laurea,

Tutte le novità sul riscatto agevolato della laurea 2024Col riscatto agevolato della laurea, si può ottenere una contribuzione per poter andare in pensione in anticipo: ecco tutte le novità del 2024. Anche per il 2024 sarà possibile usufruire dell’opzione del riscatto della laurea. Si tratta di uno strumento che permette di uscire prima dal lavoro, incrementando la propria anzianità contributiva.In questo modo, si valorizzano gli anni degli studi universitari, ai fini pensionistici.Il riscatto della laurea include solamente la durata legale del corso di studi, escludendo gli anni fuori corso. Il periodo riscattabile va dal 1° novembre dell’anno di immatricolazione al 31 ottobre dell’ultimo anno di durata legale del corso stesso.Secondo la legge, c’è la possibilità di riscattare una parte del titolo studio, fino al minimo necessario per raggiungere un determinato requisito contributivo. Si possono riscattare tutti i diplomi di laurea:TriennaleCOORDINAMENTO TERRITORIALEMagistrale;Specialistica;A ciclo unico;Dottorati.Sono esclusi, invece, i master pubblici o privati. Il Ministero dell’Università riconosce anche gli eventuali titoli di studio equipollenti, conseguiti all’estero. La domanda di riscatto può essere presentata da chi ha maturato almeno un contributo all’interno della gestione previdenziale, presso la quale intende far accreditare la contribuzione.L’onere da versare, per riscattare il titolo di studio, dipende dal periodo in cui è avvenuta la laurea e dal sistema di calcolo della pensione, che ha come discrimine il 1° gennaio 1996. Questo perché, prima di quella data, gli assegni venivano calcolati col metodo retributivo, mentre successivamente con quello contributivo.Se il periodo da riscattare si avvale del sistema retributivo (ovvero fino al 31 gennaio 1995 oppure fino al 31 dicembre 2011, con almeno 19 anni di contribuzione maturati prima del 1996), l’onere si stima col metodo della riserva matematica. In questo caso, l’onere viene quantificato sulla base del beneficio pensionistico derivante dal riscatto stesso.Se il periodo da riscattare, invece, è collocato dopo il 1° gennaio 1996, si rientra nel sistema pensionistico contributivo e si userà il metodo “a percentuale”. L’onere, in questo caso, è determinato applicando l’aliquota della contribuzione d’indennità vecchiaia e superstiti (Ivs) alla retribuzione percepita nei 12 mesi precedenti alla domanda di riscatto.Nel 2024, l’aliquota è pari al 33%, a cui si aggiunge l’1% oltre la prima fascia di retribuzione pensionabile.Dal 2019 è attiva l’opzione del riscatto agevolato, che prevede un costo fisso e inferiore, valido per chi ha studiato dopo il 1995. Nel 2023 l’onere ammontava a 5,7mila euro per ogni anno di riscatto agevolato. Per il 2024, invece, si attende la definizione da parte dell’Inps.Il riscatto agevolato della laurea comporta, ovviamente, costi inferiori, ma c’è anche il rischio che gli assegni vengano decurtati del 20/30%, a causa del metodo contributivo del calcolo della pensione.Inoltre, il massimale contributivo annuo comporta l’applicazione di un tetto massimo di retribuzione annua sul quale viene versata la contribuzione del datore di lavoro. Per il 2024, la soglia è di 119’650 euro.L’onere da versare può essere suddiviso in un massimo di 120 rate, a patto che vengano corrisposte prima di andare in pensione. L’unica eccezione riguarda i dipendenti pubblici, che possono rateizzare l’onere anche dopo essere usciti dal lavoro, tramite l’applicazione di trattenute mensili.

UNA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE RIGUARDANTE LA MAGGIORAZIONE RIA RIBALTA I PRECEDENTI E RIMETTE LA MATERIA IN DISCUSSIONE

UNA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE RIGUARDANTE LA MAGGIORAZIONE RIA RIBALTA I PRECEDENTI E RIMETTE LA MATERIA IN DISCUSSIONE

 

In data 11 gennaio 2024 è stata depositata la Sentenza n. 4 della Corte Costituzionale con la quale si dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 51, 3 della legge n. 388/2000 (Legge finanziaria 2001) che escludeva la proroga al 31 dicembre 1993 quale termine utile per la maturazione dell’anzianità di servizio ai fini dell’ottenimento della maggiorazione della RIA.

Tale sentenza mette in discussione l’attività legislativa volta ad orientare i giudicati degli ultimi 25 anni che hanno inciso in maniera retroattiva sulla materia, respingendo migliaia di ricorsi che gli interessati avevano presentato per ottenere il riconoscimento del diritto.

Tale sentenza stabilisce che il computo dell’anzianità di servizio utile al calcolo della maggiorazione RIA (per il raggiungimento dei 5, 10, 20 anni di anzianità di servizio) non si ferma al termine del 31 dicembre 1990 (come la L. 388/2000 “Legge finanziaria 2001” ha voluto intendere) ma comprende anche Il periodo di proroga del triennio 1991-1993, come previsto dal D.L. n. 384 del 1992.

Tale giudicato andrà sicuramente ad incidere positivamente su tutti i giudizi pendenti, una buona parte dei quali sono stati promossi, a partire dall’anno 2012, dall’Ufficio Vertenze Legali della Federazione FLP, per il tramite dell’avvocato Bruno Forte.

Una rivalutazione giuridica che si concreta nel riconoscimento (con relativo ricalcolo) dell’anzianità maturata fino alla data del 31 dicembre 1993, consentirebbe una rideterminazione (con effetto retroattivo) della maggiorazione RIA, del TFS e del trattamento pensionistico futuro o già in essere.

L’Ufficio Vertenze Legali della Federazione FLP, con l’ausilio dei propri legali, sta al momento valutando le possibili iniziative da intraprendere, soprattutto in favore degli iscritti ed ex iscritti FLP (ora pensionati) che avevano presentato un ricorso per il riconoscimento della RIA, per cercare di consentire anche a costoro di ottenere il riconoscimento in questione.

Con i prossimi notiziari forniremo maggiori dettagli e informazioni, nel frattempo si allega la Sentenza della Corte.

SITUAZIONE RINNOVI CONTRATTUALI

Poco fa è terminata una riunione in Aran per la trattativa inerente il CCNQ per la definizione dei comparti e delle aree di contrattazione collettiva nazionale (2022-2024).

Ricordiamo che questo CCNQ è necessario e propedeutico per poter avviare le trattative per i rinnovi contrattuali 2022-2024. 

L'Aran ha presentato una bozza (che necessita di alcune lievi correzioni legate alla soppressione di ANPAL  e dell'Agenzia per la Coesione Territoriale) e alla verifica dell’inserimento del CONI nella sezione EPNE. 

Nel nostro intervento,  pur riconoscendo che gli attuali comparti sono definiti nel numero per legge, abbiamo evidenziato e ribadito che gli stessi non fotografano l’esigenza di specificità e peculiarità del mondo del lavoro pubblico in profonda trasformazione.

Allo stesso tempo, in modo pragmatico, abbiamo dichiarato che non vogliamo fornire ulteriori alibi alle controparti per l’avvio della stagione contrattuale, già in forte ritardo, e quindi espresso la volontà di addivenire in tempi brevissimi alla definizione dell'ipotesi di accordo.

La prossima riunione è prevista per il 9 gennaio prossimo.

Alleghiamo alla presente copia della bozza di CCNQ .

Buona serata a tutti.

La Segreteria Generale